Marketing emozionale: compriamo più “con la pancia” che “con la testa” (seconda parte)

Nel precedente articolo abbiamo indagato come è nato il Marketing emozionale e la sua applicazione al Social Media Marketing, indagando i principali stati emotivi che è possibile richiamare per promuovere il proprio brand.
Una sensazione che non è stata trattata, volutamente perché meriterebbe un capitolo dedicato, è la fiducia.
Potrebbe apparire banale e scontata, ma mai quanto oggi trasparenza e chiarezza risultano fondamentali in tutti i tipi di comunicazione e di attività promozionale; getta le basi per ogni genere di relazione a lungo termine, anche quella con i clienti, e gioca un ruolo di primaria importanza nel processo che ci conduce a scegliere un brand.
Come nella realtà quotidiana acquistiamo – e torniamo ad acquistare – presso negozi o persone che conosciamo e di cui ci fidiamo, o di cui ci hanno parlato bene, allo stesso modo, nel mondo virtuale, siamo spinti verso brand che vantano recensioni positive.

Robert Cialdini nel suo Le armi della persuasione, ha parlato delle riprove sociali, un meccanismo di reciprocità insito negli esseri umani, che può essere utilizzato nel Social Media Marketing. Secondo Ciardini nella nostra natura umana è scolpita la regola del contraccambio, che ci spinge in maniera sistematica e istintiva, a restituire ciò che abbiamo ricevuto, che sia un regalo, un invito o un complimento.
Ecco allora che le recensioni positive dei clienti possono trasformarsi in preziose occasioni per promuovere il proprio brand: gli UGC (User Ggenerated Content), ossia tutta quella serie di commenti, testimonianze, osservazioni e pareri sul proprio prodotto, diventano particolarmente affidabili per chi li legge grazie alla loro spontaneità e naturalezza.

Risultano estremamente diretti ed efficaci per la loro semplicità di comunicazione, oltre che gratuiti e di rapida diffusione, perché sono gli utenti stessi a crearli e divulgarli attraverso la condivisione con i propri contatti.
Dalla celebrità che tagga i suoi nuovi annunci stilistici su Instagram, al vicino di casa entusiasta del suo nuovo servizio di consegna pasti preferito su Facebook, la maggior parte delle persone usa i social media per parlare dei brand.

Il vantaggio di inserire i commenti dei clienti all’interno delle Ads è che le loro parole raccontano in modo sincero e genuino il proprio rapporto col brand, la situazione vissuta, il tipo di esperienza sperimentata, l’emozione suscitata, immagini e sensazioni che inevitabilmente attraggono nuovi utenti.